“La ragazza di Bube” di Carlo Cassola

In “La ragazza di Bube” l’intreccio tra amore e politica è forte e tragico.
Bube e Mara sono giovani, ingenui ed innamorati ma in un contesto storico come quello del secondo dopo guerra, dove il sospetto e il fanatismo politico erano all’ordine del giorno, il sentimento non basta per garantirsi una vita semplice. 

Bube è talmente ingenuo da diventare violento in determinate situazioni solo per far contento chi ha intorno, solo per avere un attimo di attenzione. 

Mara preferisce pensare alle cose frivole piuttosto che riflettere sulla politica e la guerra. Ha perso un fratello al fronte, le basta sapere questo. 

Tra loro inizia tutto per caso: Bube era un amico del fratello.
Per Mara è quasi un gioco quello scambio di lettere piene di belle parole e sentimenti travolgenti. Non intuisce quanto bisogno di amore sia presente nelle righe, nelle preghiere di Bube. Il ragazzo è segnato dalla tragedia della guerra, ha visto amici scomparire sul campo di battaglia, è cresciuto nella sofferenza.
Ai suoi occhi, la femminilità di Mara, la sua voce calda, la sua presenza sono una via di uscita al buio che sente.

Un buio che non tarda ad arrivare: Bube viene arrestato per omicidio politico di cui le dinamiche sono molto confuse. L’esilio prima e la galera dopo, lo conducono in un altro tunnel. L’unico punto di riferimento, l’unica sorgente da cui riesce a ricavare energia per non perdere completamente la ragione, è la sua amata Mara. 

Dal canto suo, la ragazza, dopo essersi accorta dell’amore che prova e che sogna di dare a Bube, si vede privata per sempre della sua illusione. 

Andare avanti senza di lui o aspettarlo come gli aveva promesso?

La vita fugge via veloce e Mara non può rimanerne fuori troppo a lungo. La vita è esigente e vuole delle scelte, a volte anche veloci. Ecco quindi la proposta di matrimonio di un bravo ragazzo conosciuto da poco in città, lontano dal suo paese.

Mara esita. Con questo ragazzo potrebbe avere quella vita semplice che aveva sognato con Bube, fatta di quotidianità e comprensione. Ma, appunto, lei la aveva sognata con Bube e con lui voleva realizzarla. Glielo doveva. Glielo aveva promesso. 

E allora Mara attende. Attende che la prigionia finisca. Attende di rivedere quegli occhi così importanti per lei. Attende quell’amore senza domani.

Di Chiara Famooss Paolini

English Version


In “Bube’s Girl” the intertwining of love and politics is strong and tragic. Bube and Mara are young, naive and in love but in a historical context like the one of the second post war period, where suspicion and political fanaticism were the order of the day, the feeling is not enough to guarantee a simple life. Bube is so naive as to become violent in certain situations only to please those around him, just to have a moment of attention. Mara prefers to think of frivolous things rather than reflecting on politics and war. She lost a brother , that’s enough for her.

It all started by chance: Bube was a friend of his brother. For Mara, the exchange of letters full of beautiful words and overwhelming feelings is almost a game. She does not understand how much need for love is present in the lines, in Bube’s prayers. The boy is marked by the tragedy of war, he has seen friends disappear on the battlefield, he has grown in suffering. In his eyes, Mara’s femininity, her warm voice, her presence are a way out of the darkness he feels.

A darkness that soon arrives: Bube is arrested for political murder, whose dynamics are very confusing. The first exile and later, the prison lead him to another tunnel. The only point of reference, the only source from which he can draw energy to not completely lose his mind, is his beloved Mara. For its part, the girl, after having noticed the love she feels and dreams of giving to Bube, sees herself forever deprived of her illusion.

Go ahead without him or wait for him as she promised?

Life runs away fast and Mara can’t stay out too long. Life is demanding and wants choices, sometimes even fast ones. Here then is the proposal of marriage of a good boy recently met in the city, far from his country. Mara hesitates. With this boy she could have that simple life she had dreamed of with Bube, made of everyday life and understanding. But, in fact, she had dreamed it with Bube and wanted to make it happen with him. She owed it. She had promised it.

And then Mara waits. She waits for his imprisonment to end. She waits to see those eyes that are so important to her. She awaits that love without a tomorrow.

By Chiara Famooss Paolini

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s